LEGOLI: INQUINAMENTO DEL “RIO MELOGIO” Nuova interrogazione

Lunedì 21 Marzo 2011 abbiamo presentato una nuova interrogazione sul caso dell’ inquinamento del Rio Melogio a Legoli.

Potete leggere e scaricare questa interrogazione cliccando qui: Inquinamento del Rio Melogio – Nuova interrogazione – 16.03.2011.

Questa interrogazione non verrà però discussa nel prossimo Consiglio Comunale del 30 Marzo 2011 perché il Sindaco Crecchi ha deciso di applicare alla lettera il Regolamento del Consiglio Comunale, che a Peccioli prevede che le interrogazioni devono essere protocollate 10 giorni prima della data di convocazione del Consiglio stesso, per dar modo al Sindaco di prepararsi.

Si potrebbe discutere a lungo su quanto questa regola sia effettivamente utile e applicabile al caso in questione, anche in considerazione del fatto che il Regolamento di Peccioli è “piuttosto vecchio” e che questi 10 giorni di anticipo appaiono “piuttosto generosi”, soprattutto se messi a confronto con i 5 giorni di anticipo con cui vengono comunicate ai Consiglieri le date dei Consigli Comunali e i 3 giorni di anticipo entro cui ai Consiglieri devono essere consegnati i documenti da discutere. Comunque la regola esiste e noi non abbiamo niente da eccepire. I dieci giorni del regolamento scadevano Domenica 20 Marzo alle 15.00, noi abbiamo presentato l’interrogazione Lunedì 21 Marzo alle 13.00, quindi il regolamento è stato applicato correttamente. Questa nostra interrogazione sarà comunque discussa nel prossimo Consiglio Comunale, ossia — se tutto va bene – tra altri 4 o 5 mesi.

Quello che ci lascia un po’ perplessi è che, in realtà, questa interrogazione sull’inquinamento del Rio Melogio non è “nuova”, ma è la riproposizione di un’ interrogazione identica da noi presentata nel Settembre 2009 — più di un anno e mezzo fa — a cui il Sindaco Crecchi non aveva risposto perché stava ancora attendendo i risultati delle analisi eseguite dall’ARPAT. In quell’occasione il Sindaco si era comunque impegnato a fornire le dovute risposte non appena queste analisi fossero state disponibili. Da allora sulle cause dell’inquinamento del Rio Melogio è calato un “silenzio” che dura appunto da più di un anno e mezzo e che ci ha costretto a presentare una nuova interrogazione.

In conclusione i casi sono 3: o l’ARPAT non ha ancora stabilito quali sono state le cause dell’inquinamento del Rio Melogio (possibile?), o il Sindaco se ne è dimenticato (possibile?), o forse la nostra interrogazione è “un po’ scomoda”, e si preferisce rimandarla di qualche mese applicando alla lettera il Regolamento. Ci sarebbe poi un’altra ipotesi — la quarta — ossia che dopo un anno e mezzo il Sindaco Crecchi consideri 9 giorni un intervallo di tempo insufficiente per preparare una risposta, ma francamente a noi questa alternativa sembra troppo ridicola per poter essere vera.

Chissà…

L’unica certezza è che i cittadini di Peccioli hanno diritto di conoscere cosa ha effettivamente inquinato il Rio Melogio nell’estate del 2009. Sono stati dei fanghi sparsi abusivamente — come hanno sostenuto a gran voce sia il Sindaco Crecchi che il Sig. Macelloni — o è stata la discarica di Legoli?

Siamo sicuri che in qualsiasi altro Comune una questione importante come questa sarebbe già stata chiarita da mesi, ma Peccioli — si sa — è sempre stato un Comune “molto speciale”.

Annunci

Informazioni su Peccioli Libera

lista civica Peccioli Libera
Questa voce è stata pubblicata in Discarica di Legoli, Inquinamento Rio Melogio, Peccioli, Peccioli Libera, Rio Melogio e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...